23.06.2017
FONTE: www.sitaonline.net

Bando per l’assegnazione di contributi di ricerca 2017

La SITA Società Italiana di Terapia Antinfettiva nell’ambito delle sue attività statutarie e in particolare quelle di promuovere, incrementare ed incentivare gli studi e la ricerca sulla terapia antinfettiva, nonché lo studio e lo sviluppo d’iniziative dirette alla prevenzione, diagnosi e cura nel campo delle Malattie Infettive, con particolare riguardo alle patologie di rilevanza sociale, bandisce l’assegnazione di N. 8 (otto) Contributi di Ricerca di durata annuale...

La SITA Società Italiana di Terapia Antinfettiva nell’ambito delle sue attività statutarie e in particolare quelle di promuovere, incrementare ed incentivare gli studi e la ricerca sulla terapia antinfettiva, nonché lo studio e lo sviluppo d’iniziative dirette alla prevenzione, diagnosi e cura nel campo delle Malattie Infettive, con particolare riguardo alle patologie di rilevanza sociale, bandisce l’assegnazione di N. 8 (otto) Contributi di Ricerca di durata annuale per progetti su tematiche riguardanti:

• Le infezioni batteriche

• Le infezioni fungine

L’assegnazione dei Contributi di Ricerca è resa possibile grazie all’elargizione liberale non condizionante di MSD, Azienda fortemente impegnata nello sviluppo e nella commercializzazione di farmaci per la cura delle Malattie Infettive gravi e ad elevato impatto sociale.

I destinatari del Bando sono speci catamente il personale Docente uni- versitario afferente al settore scienti co-disciplinare MED 17 (Ma- lattie Infettive) o i Dirigenti Medici dipendenti di IRCCS pubblici o privati che operano all’interno di reparti di Malattie Infettive.

Il contributo di ricerca verrà elargito all’Ente di afferenza del vincitore del bando. Si speci ca che i contributi di Ricerca dovranno essere utiliz- zati esclusivamente per nanziare o co nanziare assegni di ricerca o borse di dottorato. 

 

Clicca qui per scaricare il bando

Clicca qui per scaricare il modulo di richiesta

 

02.03.2017
FONTE: www.sitaonline.net

2017 TAE Awards for Training Achievements

SITA si congratula con Paola Tataralli della Divisione di Malattie Infettive dell'IRCCS San Martino di Genova e con Aleksandra Barac del Clinical Centre of Serbia dell'Università di Belgrado per l'assegnazione degli TAE Awards for Training Achievements.

SITA si congratula con Paola Tataralli della Divisione di Malattie Infettive dell'IRCCS San Martino di Genova e con Aleksandra Barac del Clinical Centre of Serbia dell'Università di Belgrado per l'assegnazione degli TAE Awards for Training Achievements.
Per maggiori informazioni, clicca qui:

https://www.escmid.org/profession_career/awards_grants/tae_awards_for_training_achievements/awardees_2017/

06.09.2016
FONTE: www.sitaonline.net

Borse di studio SITA 2016-2018

Classifica partecipanti

1.GIACOBBE DANIELE ROBERTO (GE)

2.FRANCESCA FURII (BO)

3.MOTTA ILARIA (TO)

4.RUSSO ALESSANDRO (ROMA)

5.LAGI FILIPPO (FI)

6.META EMILJAN (BO)

7.CANNALIRE ROLANDO (PG)

8.D'ESTE FRANCESCA (UD)

9.TARAMASSO LUCIA (GE)

10.TESTA JACOPO (VA)

11.DESANTIS JENNI (PG)

12.OLTOLINI CHIARA (MI)

13.INFURNARI LAURA (MI)

02.02.2015
FONTE: www.sitaonline.it

Bando per N. 5 partecipazioni al Congresso Management of Infections in the Critically Ill Patients: a Hands-on Course on Current Challenges and Future Directions, ESCMID Postgraduate Education Course

La SITA – Società Italiana di Terapia Antinfettiva, nell’ambito della sua attività di promozione della cultura e diffusione delle conoscenze in ambito di terapia antinfettiva, promuove la partecipazione di 5 infettivologi italiani al Corso internazionale organizzato da ESCMID a Grado il prossimo 8-9 maggio.

La SITA – Società Italiana di Terapia Antinfettiva, nell’ambito della sua attività di promozione della cultura e diffusione delle conoscenze in ambito di terapia antinfettiva, promuove la partecipazione di 5 infettivologi italiani al Corso internazionale organizzato da ESCMID a Grado il prossimo 8-9 maggio.

 


Per scaricare il bando, clicca qui

 

26.05.2014
FONTE: www.sitaonline.net

Bando relativo a N. 2 posti per stage di Preceptorship presso Istituti di Malattie Infettive

La SITA- Società Italiana di Terapia Antinfettiva promuove da oltre 10 anni, a livello interdisciplinare, una più approfondita conoscenza della materia infettivologica ...

La SITA- Società Italiana di Terapia Antinfettiva promuove da oltre 10 anni, a livello interdisciplinare, una più approfondita conoscenza della materia infettivologica favorendo l’effettivo scambio di esperienze e la divulgazione alla classe medica delle migliori pratiche cliniche e soprattutto terapeutiche in ambito di Malattie Infettive.

L’obiettivo della SITA è di raggiungere tutti gli specialisti che a vario titolo si occupano di patologia infettiva sia essa batterica, fungina o virale, ma specialmente i giovani infettivologi e gli specializzandi in Malattie Infettive.

Pertanto nell’ambito della sua attività istituzionale SITA ha avviato un’iniziativa di Preceptorship che sarà attuata attraverso brevi stage presso Istituti di Malattie Infettive Italiani.

 

 

Per scaricare il bando, clicca qui

 

 

 

07.05.2014
FONTE: www.imi.europa.eu

Tackle all’antibiotico-resistenza da parte della Innovative Medicines Initiative

La Innovative Medicines Initiative (IMI), una collaborazione pubblico-privata comprendente la European Federation of Pharmaceutical Industries and Association (EFPIA), piccole e medie imprese e vari atenei ed organizzazioni di ricerca, ha recentemente lanciato il progetto ENABLE (European Gram-negative Antibacterial Engine).

La diffusione di microrganismi multiresistenti rappresenta una forte minaccia all’irrinunciabile vantaggio in termini di sopravvivenza conferito dalla terapia antibiotica. La drammatica riduzione del ritmo di immissione sul mercato di nuovi antibiotici rende ragione dell’attuale arsenale terapeutico fortemente limitato, specialmente per quanto riguarda la terapia delle infezioni da batteri Gram-negativi. A ormai 10 anni dall’allarme “Bad Bugs, No Drugs” lanciato dalla Infectious Diseases Society of America (IDSA) l’attualità del problema resta purtroppo inalterata. Per tale ragione la Innovative Medicines Initiative (IMI), una collaborazione pubblico-privata comprendente la European Federation of Pharmaceutical Industries and Association (EFPIA), piccole e medie imprese e vari atenei ed organizzazioni di ricerca, ha recentemente lanciato il progetto ENABLE (European Gram-negative Antibacterial Engine). Tale progetto, che si propone di accelerare e ottimizzare lo sviluppo di farmaci attivi nei confronti dei patogeni multiresistenti, si aggiunge al progetto TRANSLOCATION (iniziativa interdisciplinare volta all’ampliamento della conoscenza delle basi molecolari della resistenza batterica) e alla creazione di reti di collaborazione e sorveglianza clinica e laboratoristica, obiettivo del progetto COMBACTE (Combating Bacterial Resistance in Europe). Tali iniziative si inseriscono nel più vasto panorama della campagna New Drugs for Bad Bugs (ND4BB) e, consensualmente alla promozione di misure di controllo e di antimicrobial stewardship, rappresentano una testimonianza importante dell’impegno della comunità scientifica volto a scongiurare il ritorno, ancora evitabile, agli alti tassi di mortalità dell’era pre-antibiotica.

 

Fonti:

http://www.imi.europa.eu/

http://www.nature.com/nrmicro/journal/v12/n4/full/nrmicro3245.html

07.05.2014
FONTE: www.nejm.org

Identificazione di nuova specie di fungo dimorfo responsabile di infezioni disseminate in Sud Africa

Miceti dimorfi (i.e., crescita lievitiforme o filamentosa al variare delle condizioni ambientali) appartenenti ai generi Coccidioides, Paracoccidioides, Histoplasma e Blastomyces sono responsabili delle micosi endemiche americane e di gravi forme diffuse, specialmente nell’ospite immunocompromesso...

Miceti dimorfi (i.e., crescita lievitiforme o filamentosa al variare delle condizioni ambientali) appartenenti ai generi Coccidioides, Paracoccidioides, Histoplasma e Blastomyces sono responsabili delle micosi endemiche americane e di gravi forme diffuse, specialmente nell’ospite immunocompromesso. Altre specie meno note e appartenenti al genere Emmonsia (E. crescens, E. parva ed E. pasteuriana), rivestono a loro volta il ruolo di agenti eziologici di quadri polmonari e cutanei, con coinvolgimento sistemico in caso di grave compromissione delle difese immunitarie. Uno studio pubblicato sul finire dello scorso anno su The New England Journal of Medicine, riporta 13 casi di lesioni cutanee eterogenee (da piccole papule a vaste placche e ulcere) associate a coinvolgimento sistemico in pazienti con infezione da HIV in stadio avanzato (mediana di linfociti CD4+ < 20 cellule/mm3). L’analisi della sequenza nucleotidica delle colture del materiale bioptico ha permesso di caratterizzare una nuova specie strettamente correlata a E. pasteuriana. Nonostante una spesso completa risposta alla terapia antifungina con polieni e triazoli, una rapida evoluzione sfavorevole è stata osservata in tre pazienti. Successivamente, lesioni focali cerebellari e polmonari sono state segnalate in due pazienti sieronegativi con alternativi fattori riducenti le difese immunitarie (i.e., terapia immunosoppressiva per rigetto di trapianto di organo solido) individuabili in un solo caso. Ciò sottolinea la necessità di ulteriori sforzi atti a caratterizzare l’accurata prevalenza, i fattori di rischio e lo spettro clinico delle infezioni da Emmonsia spp. nelle aree endemiche, al fine di garantire la rapidità e l’accuratezza dell’approccio diagnostico a un’infezione potenzialmente curabile.

 

Fonti:

http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa1215460

http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMc1314277

07.05.2014
FONTE: AISF

Linee di indirizzo dell’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato per la gestione della terapia anti-HCV nei pazienti con epatite cronica

Nel mese di marzo 2014 sono state pubblicate le linee di indirizzo dell’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF) inerenti la gestione terapeutica dei pazienti con epatite cronica HCV-correlata.

Nel mese di marzo 2014 sono state pubblicate le linee di indirizzo dell’Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (AISF) inerenti la gestione terapeutica dei pazienti con epatite cronica HCV-correlata. L’implementazione di promettenti dati concernenti i farmaci ad azione antivirale diretta ha rappresentato e continuerà a rappresentare una doverosa e irrinunciabile necessità di aggiornamento, al fine di ottimizzare il timing e la gestione dell’approccio terapeutico. Le linee di indirizzo AISF forniscono pertanto i profili di efficacia delle terapie già disponibili e di quelle che entreranno nella pratica clinica in un prossimo futuro, unitamente alla descrizione delle differenze in termini di sicurezza e di tollerabilità dei diversi regimi. Ulteriori aggiornamenti prevedranno di volta in volta la considerazione di nuovi farmaci ad azione antivirale diretta approvati dalla European Medicines Agency (EMA). Le raccomandazioni AISF rappresentano un importante ausilio per l’orientamento del clinico e per la discussione con il paziente dell’approccio all’infezione trattata o non trattata precedentemente, alla confezione HIV-HCV, alla cirrosi scompensata in lista per il trapianto di fegato e alla recidiva post-trapianto. Per un’esaustiva trattazione delle diverse strategie terapeutiche si rimanda al testo completo.

 

Fonti:

http://www.webaisf.org/pubblicazioni/documento-aisf-hcv-2014.aspx